WordPress: un correttore di testi avanzato per i contenuti in inglese

Un tutorial dedicato a chi crea contenuti pensati per un pubblico internazionale: come correggere e migliorare i post in inglese.

WordPress

Nel tutorial di oggi vedremo come installare un correttore di testi in grado di analizzare le frasi in inglese e suggerire eventuali forme alternative. L’estensione che andremo ad utilizzare è compatibile con WordPress ma deve essere installata nel browser di sistema, nel nostro caso Google Chrome (disponibile anche per Mozilla Firefox). Visitiamo il seguente indirizzo e procediamo all’installazione di Grammarly (versione gratuita, presente anche una versione a pagamento) cliccando sul bottone Aggiungi:

Grammarly

Dopo alcuni istanti partirà la procedura guidata che richiederà obbligatoriamente la creazione di un account (basta inserire nome, indirizzo email e password). Ci sarà anche chiesto se produciamo contenuti per lavoro o svago e se scriviamo in inglese britannico, americano, canadese, australiano (le differenze sono ben spiegate da Grammarly tramite apposito link ben visibile). Se l’installazione è andata a buon fine noteremo l’icona verde di Grammarly in alto a destra:

grammarly

Se clicchiamo sull’icona viene mostrato un comodo menu a tendina dove è possibile attivare o disattivare il controllo grammaticale nell’attuale sito, attivare la visualizzazione di sinonimi e definizioni via doppio clic e cambiare la variante della lingua in uso:

grammarly_2b

A questo punto non ci resta che effettuare l’accesso al sito WordPress e creare un nuovo articolo. Una volta caricata la familiare schermata dell’editor dei contenuti, noteremo la presenza dell’icona verde di Grammarly in basso a destra:

grammarly_3

Dopo aver inserito alcune righe in inglese (nel nostro caso prese in prestito dal tutorial dell’estensione, visionabile all’indirizzo https://app.grammarly.com/ aprendo il file demo document), l’icona in basso a destra segnalerà eventuali errori o migliorie da apportare al testo:

grammarly_4

Cliccando sull’icona si aprirà in sovraimpressione la finestra di Grammarly nella quale potremo valutare le varie segnalazioni – le modifiche apportate in questa finestra saranno immediatamente applicate all’editor WordPress:

grammarly_5

Le sottolineature in blu indicano parti di frasi la cui chiarezza può essere migliorata cambiando e/o eliminando delle parole. Le sottolineature in rosso indicano la presenza di errori di battitura/termini errati.

 

Ad ogni notifica sulla destra corrisponde una parte del testo opportunamente evidenziata. Cliccando sulla forma consigliata quest’ultima viene immediatamente inserita nel testo. Sono presenti anche dei brevi ma utili esempi grammaticali, cliccando sull’icona dei tre puntini in corrispondenza della prima notifica compare quanto segue:

grammarly_5b

Nella schermata di Grammarly sono visibili anche le voci Overall Score e Goals (in alto a destra). Se clicchiamo sulla prima avremo una valutazione approfondita su quanto scritto finora ed una serie di interessanti statistiche da consultare:

grammarly_7

Se clicchiamo sulla seconda, accediamo ad una sezione in cui, specificando determinati obiettivi, possiamo aiutare Grammarly a migliorare la pertinenza e la qualità delle segnalazioni:

grammarly_6

È possibile specificare vari obiettivi come la tipologia di contenuto (descrittivo, informativo, racconto di una storia etc.) e di lettore a cui intendiamo rivolgerci. L’estensione adeguerà i suggerimenti in base agli obiettivi dello “scrittore”.