[Infografica] Indecisione sull’hosting? Shared, VPS e cloud a confronto

Quando si parla di hosting, spesso si hanno le idee confuse. Molti provider come HostingSolutions, infatti, offrono un servizio di base (detto anche condiviso), un servizio dedicato, un server virtuale privato (VPS) e alcune soluzioni di cloud hosting.

Scegliere correttamente fra l’una o l’altra soluzione non è così semplice, soprattutto se non si hanno bene in mente le differenze che caratterizzano le diverse proposte.

Per errore, alcuni tendono a paragonare il cloud a un VPS oppure non conoscono la distinzione fra un hosting condiviso (e le sue limitazioni) e uno dedicato.

Scegliere non è mai cosa semplice e molto, anzi moltissimo dipende in definitiva dalle esigenze peculiari dell’applicazione a cui si vuole giungere.

C’è però un’interessante infografica, rilasciata Profitbricks e sviluppata da Nowsourcing, che potrebbe aiutare non poco, chi, alle prime armi, sta cercando di fare il punto della situazione sulle differenti offerte di hosting.

Questa infografica, visibile in calce al post, mette chiaramente a confronto l’hosting di base, quello dedicato, i VPS, le grid utility e il cloud hosting pubblico (declinato nella versione 1.0 e 2.0) delineandone i tratti caratteristici rispetto a infrastruttura on-demand, flessibilità di dimensionamento, flessibilità di rete, provisioning automatizzato, scalabilità, tipologia di pagamento, facilità di gestione delle risorse attraverso un’interfaccia e tante altre caratteristiche.

Ogni caratteristica citata è classificata con un’icona parlante che offre così una visuale di insieme sulle differenze dei servizi di hosting attualmente offerti.

E’ molto interessante notare come la facilità di gestione delle risorse tramite interfaccia per il Cloud 2.0 sia in realtà paragonabile a quella di un hosting condiviso, solitamente scelto per comodità da chi ha poca esperienza in merito.

Il Cloud 2.0, pur mantenendo questa facilità, rispetto all’hosting condiviso guadagna in flessibilità, in provisioning e in scalabilità e rivoluziona i pagamenti con un sistema di fatturazione a consumo rispetto al tradizionale pagamento mensile.

In mezzo fra gli estremi di web hosting condiviso e cloud 2.0 vi sono gli altri servizi, con caratteristiche intermedie a cui però manca sempre quella peculiarità di flessibilità tipica delle soluzioni nella nuvola.

L’infografica riporta poi tutta la storia del web hosting in generale, mostrando come le differenti offerte si siano succedute nel tempo e quali garanzie offrano rispetto alle altre.

Non resta dunque che augurarvi buona consultazione e buona comparazione, ricordandovi che per ogni esigenza e per ogni supporto, il servizio clienti di HostingSolutions è sempre a completa disposizione per studiare insieme la migliore soluzione di hosting necessaria.

[Infografica] Indecisione hosting? Shared, dedicato, VPS e cloud a confronto

  • Pingback: Shared, VPS e cloud a confronto | Mondo Hosting...()

  • Carmelo

    Ho optato per un cloud server. Molto dipende dalla velocità di connessione di chi offre questo tipo di servizi cloud e qualora fosse sufficiente la virtualizzazione della macchina renderebbe dal punto di vista tecnico identico a un servizio VPS.
    Il pacchetto che ho sottoscritto non ha alcuna limitazione per quanto riguarda il consumo con una connessione a 1GBit quindi la virtualizzazione è pressochè identica ad una VPS.
    Trovo un cloud server molto più flessibile poichè posso aumentare o diminuire in tempo reale le risorse hardware.