12 consigli per selezionare i migliori plugin WordPress – II parte

Ecco gli ultimi sei consigli per scegliere il migliore fra i plugin WordPress disponibili online, in modo da soddisfare le esigenze funzionali del tuo sito

Ti ho già parlato delle prime sei azioni che devi compiere per individuare il plugin WordPress che meglio corrisponda alle tue esigenze. 12 consigli per selezionare i migliori plugin WordPress - I parteIn realtà, mi ero ripromesso di discutere con te di ben 12 consigli utili alla ricerca del migliore add-on fra quelli disponibili ed è per questo motivo che ritorno sul discorso per concluderlo con i sei suggerimenti rimanenti e necessari per aiutarti nella ricerca del più adatto fra i plugin WordPress.

Buona lettura!

Verifica sempre la compatibilità del plugin WordPress prescelto con la tua installazione

Nella barra laterale della pagine del plugin, puoi individuare le informazioni relative alla compatibilità dell’add-on con le diverse versioni di WordPress (sezione Compatibility). Se la maggior parte degli utenti indicano che il plugin funziona perfettamente con una determinata versione di WordPress, puoi stare tranquillo che funzionerà anche con la tua installazione. A volte, però, in questa sezione ci sono solo i voti di chi nega il funzionamento, nonostante il plugin abbia centinaia di download e un rating positivo. Questo accade perché nel momento in cui l’add-on funziona, gli utenti non lasciano il feedback, per cui a esprimere il giudizio sono solo coloro che hanno qualcosa di negativo da dire. Allo stesso modo, se non ci sono utenti che hanno rilasciato un feedback sulla compatibilità con una determinata versione, significa che la versione è troppo nuova, ma non è detto che il plugin non funzioni.

Leggi sempre le sezioni FAQ e le note associate al plugin WordPress

Non dimenticare di dare sempre uno sguardo alle FAQ e alle altre note che l’autore o gli utenti dell’add-on lasciano sulle pagine del repository. Qui puoi trovare informazioni utili sull’uso del plugin, oltre a scoprire altre informazioni che possono aiutarti nella scelta dell’add-on.

Provare un plugin WordPress prima della messa in produzione

Prima di scegliere definitivamente il plugin WordPress, ti conviene operare nel modo seguente. Collegati a Pingdom e fai un test di velocità sul tuo sito. Segna il risultato del Load time, vai nell’area amministrativa di WordPress e scarica, installa e attiva il plugin. Configuralo per il corretto funzionamento e torna su Pingdom per effettuare nuovamente il test. Se il risultato ottenuto e tanto maggiore rispetto a quello raggiunto in precedenza, allora vuol dire che il codice del plugin è di scarsa qualità e introduce dei ritardi di esecuzione importanti. In questo caso, ti conviene passare al vaglio gli altri add-on su cui eri indeciso.

Contribuisci alla community dei plugin WordPress

Una volta individuato il plugin giusto, ricordati di contribuire alla community di WordPress, pensando che questa comunità è fatta da esperti e autori che mettono a disposizione il proprio talento e il proprio tempo per sviluppare gli add-on. Quindi, se ne hai l’opportunità fai una donazione, vota il plugin dandogli un punteggio alto se ti piace e funziona bene, contribuisci alla lista delle compatibilità ed esegui qualche menzione su Facebook e Twitter.

Cosa fare se il plugin WordPress non funziona

Se l’add-on non funziona o restituisce qualche errore, devi per prima cosa verificare l’eventualità di un conflitto con qualche altro plugin installato sul tuo WordPress o con il tema scelto. Disattiva man a mano i temi e i plugin che credi possano generare il problema e tenta di nuovo. Se il componente aggiuntivo ancora non funziona, rivolgiti alla sezione Support e apri una richiesta di aiuto. Considera che tutti i plugin WordPress gratuiti sono open source e sono sprovvisti di garanzia di funzionamento. Ciò non toglie che molti sviluppatori ci tengono e trovano sempre il modo giusto per dare una mano a un utente in difficoltà come te.

  • Pingback: Perché un tuo hosting WordPress è migliore di WordPress.com()

  • MaCuestisonoscemi

    I temi WordPress free, raramente (per non dire mai) sono aggiornati e quindi soggetti ad attacco e a dare disfunzioni con le versioni aggiornate di WordPress. Il Market Envato Themeforest è sicuramente il miglior luogo, per scegliere un Template per un professionista che vuol veramente lavorare con il proprio sito.

    • internetpost

      Si, i temi gratuiti non hanno di solito un supporto paragonabile alle alternative a pagamento. Per un professionista, come dicevi, sono necessarie altre soluzioni